Agopuntura e Omepatia: come funziona

Agopuntura e omeopatia a Roma

 

Infiltrazione con rimedi dell' omeopatia su punti di agopuntura

L' agopuntura con rimedi dell' omeopatia è stato il primo incontro tra agopuntura tradizionale cinese e l' omeopatia di origine europea. Iniettare un rimedio dell' omeopatia su un punto di agopuntura costituisce un vantaggio riguardo all’assorbimento e l'efficacia dello stimolo.  L' omeopatia infatti impegnando piccole dosi quando non addirittura dosi infinitesimali, impegna il paziente in procedure di assorbimento del rimedio complesse. Evitare sapori forti, tali da ridurre assorbimento sublinguale del rimedio dell' omeopatia quali mentolo, tabacco, caffè, profumi e molto altro, costringe il paziente a rituali non sempre di facile esecuzione.  L' omeopatia uso orale dipende inoltre da procedure talvolta non compatibili con i ritmi di vita moderni, limitando l'efficacia di rimedi peraltro correttamente ricettati.

L’iniezione del rimedio di omeopatia in formulazione iniettabile sul punto di agopuntura supera efficacemente questi limiti. Il rimedio non viene assorbito dalla mucosa orale, ma è iniettato su zonidi cutanei particolarmente sensibili all’azione svolta dal rimedio e descritti dall' agopuntura . Inoltre il rimedio somministrato con tale procedura aggiunge un prezioso stimolo sul punto di agopuntura che provvede a una sinergia più che favorevole con il trattamento di omeopatia.

 

APPROFONDIMENTO DEL METODO AGOPUNTURA E OMEPATIA INSIEME:

Il primo a descrivere la possibilità di iniettare rimedi dell' omeopatia su punti di agopuntura fu il Dott. August Weihe. Egli visse ed esercitò come medico pochi anni dopo la scomparsa del fondatore dell' omeopatia Samuel Hahnemann. Già pochi anni dopo la morte di Hahnemann s’iniziò dunque a iniettare rimedi dell' omeopatia e pertanto si tratta di una metodica di lunga tradizione. Tale metodica si è però confrontata sin dalle origini con una difficoltà non indifferente: l'operatore di agopuntura con omeopatia deve possedere sia una competenza di omeopatia sia di agopuntura. Questa doppia preparazione pur evidenziando notevoli vantaggi pratici, non è però altrettanto frequentemente posseduta. Non di meno le procedure dell' agopuntura con omeopatia risultarono maggiormente efficaci ed eliminavano inoltre le difficoltà di assorbimento sublinguale dei rimedi.

Weihe codificò zone e punti cutanei di corrispondenza con rimedi dell' omeopatia che portano ancora oggi il nome di punti di Weihe (Weihe'sche Druckpunkte).  Il prezioso lavoro di Weihe annunciò anche un’ulteriore importante caratteristica dell'agopuntura con omeopatia: la possibilità di utilizzare i punti di agopuntura non solo come ingressi preferenziali del rimedio di omeopatia, ma anche come indicatori diagnostici del rimedio stesso.  Infatti una volta codificata la zona della cute sensibile a una precisa funzione biologica e pertanto correlabile a un altrettanto preciso rimedio omeopatico, è altresì possibile invertire la suddetta relazione. Una dolenzia su un punto di agopuntura indica un rimedio preciso, e tale rimedio di omeopatia può essere inoltre iniettato sullo stesso punto che lo indica. Nel lavoro di Weihe si distinguono punti di Weihe, tutti coincidenti con punti di agopuntura classica, da zonidi di Weihe ovvero nuove localizzazioni non coincidenti con le conoscenze di agopuntura.
Dall'epoca di Weihe l’ agopuntura con omeopatia ha fatto notevoli passi in avanti codificando sempre meglio il metodo sopratutto alla luce delle maggiori conoscenze sull' agopuntura che conquistava gradualmente sempre più appassionati nella cultura medica occidentale.
La crescita dell’ agopuntura con omeopatia evidenzia una dinamica maggiore nel rapporto stringente tra punto di agopuntura e rimedio, evidenziando tra loro una relazione non obbligatoriamente univoca. Grazie alla migliore conoscenza delle convenzioni di valore sottostanti l' agopuntura tradizionale cinese, oggi è un processo diagnostico complesso a determinare il rimedio e il suo ingresso, consentendo di iniettare diversi rimedi omeopatia sullo stesso punto di agopuntura oppure lo stesso rimedio di omeopatia su più punti di agopuntura. Liberata dalla statica iniziale del metodo originale di Weihe, l' agopuntura con omeopatia attuale, ricerca una particolare personalizzazione del trattamento adattandolo alle condizioni del malato.  Si è passati da un protocollo di una terapia statico, all'adattamento del protocollo alle uniche e irripetibili condizioni del malato. Il culmine metodologico dell’ agopuntura con omeopatia è costituito dall’agopuntura omotossicologica.  In quest'ultima i rimedi iniettati su punti di agopuntura sono i rimedi dell' omeopatia moderna ovvero i rimedi omotossicologici.

L'obiettivo della terapia integrata tra agopuntura e omeopatia è il miglioramento dei risultati per il paziente e l'implementazione della sua omeostasi. Tale condizione non è certo sinonimo di guarigione, ma favorisce il decorso della malattia e procede da una gestione multidisciplinare del paziente. Il trattamento tramite agopuntura e omeopatia appartiene alla medicina biologica e non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale. Al contrario esso stabilisce con esse una virtuosa sinergia e una straordinaria opportunità anche a livello di prevenzione.

Agopuntura e omeopatia: stimolazione di IC4 con Nux vomica Injeel

Agopuntura insieme all' omeopatia

 

Agopuntura e omeopatia: stimolazione di St36 con Argentum nitricum Injeel

 

Omeopatia insieme all' agopuntura


Dott. Fabio Elvio Farello, Agopuntura e Omeopatia a Roma

Cerca nel sito!

Twitter


I Libri del Dott. Fabio Farello