EAV Elettroagopuntura secondo Voll

L' EAV  elettroagopuntura secondo Voll,  è la metodica che per prima nella storia della medicina operò una valutazione elettrofisiologica del paziente. L’ EAV elettroagopuntura secondo Voll fu studiata negli anni cinquanta dall'agopuntore tedesco, Reinhold Voll che verificò la correlazione tra la funzionalità espressa da un punto di agopuntura e la sua conducibilità elettrica evidenziabile attraverso un bioimpedenziometro.    Lo  strumento per la EAV elettroagopuntura secondo Voll è costruito per misurare la resistenza  elettrica cutanea. Variazioni elettrofisiologiche della resistenza dipendono dall'afflusso e deflusso di acqua ed elettroliti in specifici distretti di connettivo. Questi distretti di connettivo sono descritti dalla medicina tradizionale cinese con il nome di meridiani. Su tali distretti di tessuto connettivale sono allocati i punti di agopuntura. La valutazione dell’impedenza elettrica sugli agopunti e lungo i meridiani parametra strumentalmente la salute o la malattia intese come nell’agopuntura tradizionale cinese. L' EAV elettroagopuntura secondo Volla ggiornata alle moderne tecnologie strumentali e alle conoscenze di elettrofisiologia assume il termine di Bioimpedenziometria dei BAPs  Bioimpedance AcuPuncture points.

EAV elettroagopuntura secondo VollLa EAV elettroagopuntura secondo Voll, consiste nell'applicare un apposito puntale del bioimpedeziometro su zonidi cutanei noti alla medicina tradizionale cinese MTC e conosciuti come punti di agopuntura. La resistenza elettrica su un punto di agopuntura è più bassa che sulla cute circostante e costituisce una costante biologica in caso di salute. Alterazioni della conduttività elettrica, rilevabili dal bioimpedenziometro sul punto di agopuntura, sono indicative delle condizioni del paziente e sopratutto parametrano strumentalmente la possibilità di adottare agopuntura nella terapia e il decorso della terapia. L' EAV elettroagopuntura secondo Voll migliora particolarmente l'efficacia di una terapia di agopuntura, sia per la possibilità di verificare il protocollo terapeutico da proporre al paziente come anche per la possibilità di escludere pazienti non- responder preventivamente da un trattamento. Il test d’inclusione e monitoraggio dei protocolli di trattamento in agopuntura prevede la misurazione dell’impedenza cutanea in una sequenza di quaranta agopunti prestabiliti dal metodo.

Durante il test EAV elettroagopuntura secondo Voll si misura la resistenza cutanea sui BAPs Bioimpedance AcuPuncture points. Tali punti si orientano all’agopuntura classica ma sono aggiornati alle conoscenze più recenti di  corrispondenze cutaneofunzionali. Ogni punto è in relazione a orbite funzionali precise espresse dal soggetto esaminato. La resistenza elettrica cutanea è una costante nello stato di salute. Alterazioni nella distribuzione di acqua ed elettroliti correlano con la perdita dell’omeostasi e inizio di malattia funzionale.  La EAV elettroagopuntura secondo Voll è utile per includere e monitorare i pazienti in trattamento agopunturale, ma altrettanto per il trattamento omeopatico e omotossicologico . La valutazione dello stesso esame come indicatore diagnostico invece, ha un carattere solo probabilistico e deve essere necessariamente convalidata da altra tipologia di accertamenti. Tali indicazioni sono però un test di screening rapido e utile a orientare il medico nel processo diagnostico ma necessitano di conferme che il medico provvede anche attraverso indagini specifiche per il settore funzionale alterato.  L'esame è privo di effetti collaterali e ben tollerato dai pazienti. I criteri di valutazione provengono dalla medicina tradizionale cinese, ma vengono parametrati alle moderne conoscenze di elettrofisiologia.


L’apparecchio impegnato nella EAV elettroagopuntura secondo Voll è l’EAV Gold Biotekna. Si tratta di dispositivo medico diagnostico non invasivo, conforme alla direttiva europea sugli apparecchi elettromedicali prodotto da Biotekna S.r.l. registrato presso il Ministero della Salute, classificazione nazionale dei dispositivi medici, come apparecchiatura per la diagnosi funzionale bioeletrica CND: Z12040104.

Dott. Fabio Elvio Farello



 

Cerca nel sito!

Twitter


I Libri del Dott. Fabio Farello