Come funziona

Malattia in omeopatia e omotossicologia

 

La malattia è una risposta adattativa eroica del singolo individuo al conflitto biologico risentito come urgente e inderogabile. A un livello sopra individuale la malattia invece corrisponde a quei processi evolutivi che implicano per il tramite delle soluzioni conflittuali raggiunte, lo sviluppo di nuove capacità, nuovi tessuti e nuove specie. La malattia si estrinseca a livello corporale in una patologia tissulare coinvolgente precise fasi reattive. Le fasi della tavola delle risposte biologiche, originariamente denominata tavola delle omotossicosi è stata descritta per primo dall’omeopata tedesco Hans Heinrich Reckeweg. La tavola evidenzia sei possibili reazioni patologiche nelle quali un tessuto esprime tutto il suo potenziale di malattia.  La classificazione delle reattività tissulari espresse possiede un significato universale, che tracima oltre le applicazioni della tavola in omeopatia e omotossicologia, diventando strumento di ogni medico indipendentemente dalla sua formazione.

 

Leggi tutto: Malattia in omeopatia e omotossicologia

La medicina biologica

 

medicina biologicaLa medicina biologica implica la definizione di un metodo di lavoro che permetta un confronto costruttivo tra modelli scientifici diversi. L’analisi causale della scienza occidentale e la sintesi induttiva delle scienze antiche, possono essere integrate in un'unica conoscenza che adotta contemporaneamente modelli logici diversi, per osservare meglio un’unica realtà. Il vantaggio di una doppia prospettiva nell’osservare lo stesso malato, è la completezza dell’osservazione e il maggiore controllo dell’affidabilità delle conclusioni. Due modelli di riferimento, oltre a suggerire sinergie, sono anche una doppia sicurezza nel verificare le conclusioni diagnostiche e le indicazioni terapeutiche. Un approccio scientifico maturo, si occupa di unificare conoscenze e scienze.

Leggi tutto: La medicina biologica

Sport e omeopatia iniettabile

L’ omeopatia iniettabile ha molte applicazioni in terapia, ma può essere impegnata anche migliorare i risultati della fasi di allenamento nello sport. Nell’ omeopatia iniettabile i rimedi di omeopatia in formulazione iniettabile sono infiltrati  localmente su punti di agopuntura con finalità inerenti lo sport.  Si tratta di una tecnica integrata  che impegna l’ agopuntura e l’ omeopatia in una modalità congiunta. L’ omeopatia iniettabile è apprezzata da medici che la praticano e dai loro pazienti per l’ elevata sicurezza e tollerabilità. Le applicazioni più frequenti  dell’ omeopatia iniettabile per  accompagnare l’allenamento e  lo sport sono la gestione naturale dell’infiammazione, del dolore e dello stress. Le risposte adattative durante sport intenso, costituiscono uno stress fisico, mentale o emozionale. La resa dell'allenamento nello sport dipende dal sistema metabolico, neurovegetativo, endocrino, immunitario e dalla serenità del soggetto osservato. In ogni caso l’allenamento nello sport avviene attraverso una serie di esercizi ripetuti  che implicano a seconda dei casi stress, flogosi, acidificazione tissulare e dolore.

Leggi tutto: Sport e omeopatia iniettabile

 

Malattia cronica e omeopatia

 

malattia cronicaLa malattia cronica si comprende in relazione al concetto di morte e riproduzione come descritti dalla biologia. La morte e la riproduzione sono interdipendenti dovendo la natura supplire alla prima per il tramite della seconda. Un organismo pluricellulare è organizzato per tessuti specializzati e autocosciente richiede un esteso tempo biologico per essere riprodotto. Un organismo umano rappresenta la culminante di processi adattativi operati in tempi molto estesi dall'evoluzione. L'uomo evidenzia una maggiore consapevolezza del suo habitat e sopratutto l'uomo può esprimere coscienza di essere. Se paragonato a un organismo unicellulare, la riproduzione umana è più faticosa e lenta. La velocità riproduttiva e la consapevolezza evidenziano dunque un rapporto inversamente proporzionale. Maggiore è la consapevolezza espressa da una specie o da un individuo, tanto più lentamente si svolgeranno i fenomeni di riproduzione e più lungo sarà l’intervallo tra le generazioni.

Leggi tutto: La malattia cronica e omeopatia

Escrezione sulla tavola delle omotossicosi

escrezioneLa fase escrezione e la più dolce e innocua tra le possibili riposte biologiche inquanto provvede morbidamente alla compensazione di un conflitto.I processi di malattia sono tentativi dinamici nel superamento di un conflitto biologico. La comprensione della reattività dei tessuti come risposta adattativa implica che le sei fasi indicate siano attraversate morbidamente e rapidamente, in stato di salute. Al contrario se un conflitto biologico coinvolge l’individuo, diviene possibile e biologicamente sensato esprimere una delle fasi indicate con una maggiore enfasi. Solo quest’evenienza è propriamente una malattia. La prima possibile reazione di un tessuto o di un organo, se l’individuo è sottoposto a conflitto biologico, consiste nell’aumento dell’escrezione. Esempi di reattività in fase d’ escrezione sono: aumento della produzione d’urine, la diarrea, la sudorazione, la lacrimazione, la desquamazione o l’emorragia. Il corpo umano tramite quest’attivazione della fase d’escrezione, elimina tossine metaboliche e sollecita l’attenzione consapevole del malato sui tessuti attivati. Il malato tramite, il disturbo presente su quei tessuti attivati è sollecitato al fine di individuare una soluzione al conflitto mentre lo compensa tramite la malattia stessa.

Leggi tutto: Escrezione sulla tavola delle omotossicosi

Cerca nel sito!

Twitter


I Libri del Dott. Fabio Farello